Posted On Novembre 4, 2016 In Intelligence With 503 Views

Tecniche di contrasto alle forme di finanziamento del terrorismo di matrice jihadista

Crim. Int.


Nella lotta di contrasto alle forme di finanziamento del terrorismo di matrice islamica, le Forze di Intelligence e le Forze di Polizia si trovano a dover fare i conti con le difficoltà che emergono inevitabilmente sul piano giuridico a causa dell’asimmetria esistente fra i vari Paesi e che, comprensibilmente, si traduce nella scarsa trasparenza dei sistemi di costituzione delle società e soprattutto nella non sempre completa tracciabilità dei flussi finanziari.
Contrastare il terrorismo internazionale vuol dire anche individuare e bloccare le fonti finanziarie delle cellule terroristiche. Da ormai diverso tempo una concreta lotta al terrorismo internazionale viene perpetrata attraverso l’adozione di una linea d’intervento sinergica che usufruisce in maniera integrata delle capacità dell’intelligence, dell’investigazione criminale e di polizia, ma soprattutto dell’analisi dei flussi finanziari.
Il punto di inizio dei percorsi investigativi in tale direzione è rappresentato congiuntamente  dalle attività di intelligence, dalle attività di carattere amministrativo e dalle indagini delegate dall’Autorità Giudiziaria.
Segnalare operazioni sospette nell’ambito della strategia di contrasto al riciclaggio ed al finanziamento del terrorismo vuol dire portare alla luce tutte quelle operazioni per il cui compimento vengono utilizzati denaro o valori d dubbia provenienza da reinvestire nel circuito economico legale. Spesso si tratta di fondi, anche di origine lecita, destinati a sostenere organizzazioni terroristiche o a agevolare l’effettuazione di atti terroristici. La segnalazione di operazioni sospette consta di una procedura in cui i diversi soggetti, attori istituzionali e soggetti privati, vengono coinvolti in maniera sinergica.
Ai sensi dell’Art. 41 del decreto n.231/2007, la segnalazione va inviata all’Unità di Informazione Finanziaria da parte degli intermediari finanziari, dei professionisti e degli altri operatori non finanziari. Una volta trasmessa sarà la stessa U.I.F. a svolgere i compiti di analisi finanziaria. Il successivo sviluppo investigativo verrà infine determinato dal Nucleo Speciale Polizia Valutaria che valuterà da un lato, l’operazione segnalata con particolare riferimento all’entità delle somme movimentate ed alla tipologia o modalità delle transazioni, e dall’altro le informazioni contenute nella relazione tecnica dell’U.I.F.
Da un punto di vista strettamente operativo, una volta avviata la procedura di segnalazione, l’attività investigativa prevede:
  1. La richiesta agli intermediari finanziari censiti dall’Anagrafe Tributaria nonché all’intermediario finanziario segnalante affinché trasmettano l’estratto conto in formato elettronico dei rapporti continuativi in essere;
  2. L’effettuazione di uno o più accessi, ispezioni e verifiche presso le sedi di imprese ed attività professionali gestite dai soggetti principali e collegati al fine di ricercare e soprattutto acquisire una copia dei libri contabili, documentazione e corrispondenza al fine di evidenziare le motivazioni economiche e finanziarie sottostanti ai trasferimenti;
  3. Lo scambio di eventuali richieste di informazioni con l’U.I.F.  e le Autorità di vigilanza, gli ordini professionali e gli organi collaterali esteri.
Un valido ed efficace contrasto al terrorismo internazionale non può essere perpetrato pertanto se non a partire dall’attenta e sinergica analisi di tutti quei fenomeni e meccanismi che fungono spesso da scivolo per l’implementazione di sistemi di finanziamento strettamente correlati alla filiera terroristica.
Bibliografia
Fondazione ICSA, (2013), Intelligence Culture and Strategic Analysis “Terrorismo internazionale. I principi su cui si basa l’impianto normativo penalistico italiano per disciplinare le attività di controllo e repressione dei flussi economico-finanziari creati e gestiti dalle organizzazioni terroristiche internazionali; Roma;
Il sistema dei Money Transfert, Rapporto ICSA 2013, Roma.

Tags : , , , , ,

About